New York, NY
Chicago, IL
Denver, CO
Los Angeles, CA
Anchorage, AK
Honolulu, HI


  • Presentazione
  • Iscrizione alla Fondazione
  • Partecipano alle nostre iniziative
  • Memorial 11 Settembre
  • Iscriviti alla newsletter
  • 5 per 1000
  • Maratona di New York


Gli Stati Uniti d'America - Visti d'ingresso

VISTI D'INGRESSO

A partire dal 12 gennaio 2009 è obbligatorio ottenere un'autorizzazione ESTA (Electronic System for Travel Authorization) per potersi recare negli Stati Uniti nell’ambito del programma "Viaggio senza Visto" (Visa Waiver Program). L'autorizzazione va ottenuta prima di salire a bordo del mezzo di trasporto, aereo o navale, in rotta verso gli Stati Uniti.

I cittadini o nativi di paesi aventi diritto a partecipare al programma "Viaggio senza Visto" possono già da tempo richiedere un’autorizzazione anticipata a visitare gli Stati Uniti nell’ambito del Programma Viaggio senza Visto accedendo tramite Internet al Sistema Elettronico per l’Autorizzazione al Viaggio (ESTA -Electronic System for Travel Authorization) al sito www.cbp.gov/esta
Il Servizio Telefonico di Informazione sui Visti fornisce informazioni sulle procedure di richiesta visto e per fissare appuntamenti ed è disponibile al numero: dall’Italia e dall’estero (+39) 02-30329656 con pagamento di € 15 con carta di credito (Visa o MasterCard); unicamente dall’Italia 899 343 432 (il costo della telefonata da rete fissa è €1,50 al minuto più IVA; i costi da telefonia mobile possono essere maggiorati). Se siete in Italia e non desiderate richiedere l’attivazione dei numeri 899 oppure se siete all’estero potete telefonare al numero (+39) 02-30329656 (pagamento con carta di credito di €15,00 - solo MasterCard e Visa).

Milioni di stranieri si recano ogni anno negli Stati Uniti per affari o turismo. Alcuni arrivano come turisti per far visita a parenti ed amici, altri per impegni specifici quali conferenze o convegni di carattere professionale, scientifico o educativo, riunioni d’affari e corsi di aggiornamento. Altri ancora hanno come scopo del proprio viaggio trattamenti medici, attività di volontariato presso organizzazioni caritatevoli, impiego domestico, intrattenimenti e gare sportive, o viaggiano per motivi religiosi, a specifiche condizioni.
Gran parte di questi visitatori necessitano di un visto turistico B-1/B-2 per potersi recare negli Stati Uniti.
Un influsso positivo viene apportato alla vita culturale e socio-economica americana da parte dei visitatori stranieri spinti da un genuino interesse a visitare gli Stati Uniti per motivi di studio, affari o turismo.
L’obiettivo primario è quello di continuare ad accoglierli e di garantire loro un soggiorno sicuro.
A seguito degli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001 sono stati introdotti alcuni cambiamenti alle leggi che regolano il flusso dei visitatori. Questi cambiamenti sono dettati dal desiderio di garantire la sicurezza sia dei cittadini residenti negli Stati Uniti che di coloro che vi si recano in visita. Per evitare ritardi o disappunti, l’Ambasciata americana a Roma e i Consolati di Milano, Firenze e Napoli esortano ad effettuare domanda di visto con sufficiente anticipo.
In particolare, coloro che viaggiano per studio o scambio culturale dovrebbero fare domanda appena in possesso di tutta la documentazione necessaria.
E' importante pianificare il proprio viaggio in modo da disporre del tempo necessario a fare domanda di visto. Durante il periodo estivo è consigliabile iniziare la propria richiesta di visto almeno un mese prima del viaggio stesso. Questo perché ci sia il tempo necessario per prenotare l’appuntamento, effettuare l’intervista, revisionare la documentazione, determinare se è possibile emettere il visto e predisporne la riconsegna. Un programma di viaggio definitivo o l’acquisto di biglietti non rimborsabili non dovrebbe mai essere effettuato prima dell’ottenimento del visto stesso.

I Paesi che aderiscono al Programma "Viaggio senza Visto" (Visa Waiver Program) sono: Andorra, Australia, Austria, Belgio, Brunei, Corea del Sud, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Giappone, Irlanda, Islanda, Italia, Lettonia, Liechtenstein, Lituania, Lussemburgo, Malta, Monaco, Norvegia, Nuova Zelanda, Paesi Bassi, Portogallo, Regno Unito, Repubblica Ceca, San Marino, Singapore, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia, Svizzera, Ungheria.