New York, NY
Chicago, IL
Denver, CO
Los Angeles, CA
Anchorage, AK
Honolulu, HI


  • Presentazione
  • Iscrizione alla Fondazione
  • Partecipano alle nostre iniziative
  • Memorial 11 Settembre
  • Iscriviti alla newsletter
  • 5 per 1000


Analisi e riflessioni dagli Stati Uniti

Il discorso sullo stato dell'Unione: vincere il futuro

Innovazione ed export, sacrifici e impegno: nel discorso sullo stato dell’Unione il presidente Usa, Barack Obama, ha fatto un appello agli americani sollecitandoli a mettere in gioco la propria creatività e a lasciar da parte le divisioni, per unirsi nell’obiettivo comune di mantenere la leadership degli Stati Uniti in un mondo sempre più competitivo. "Spetta a noi conquistare il futuro. Ma per arrivarci, non possiamo stare fermi. Come disse Robert Kennedy, il futuro non è un dono, è un risultato".

Nel suo primo discorso sullo stato dell’Unione davanti a un Congresso tornato, in parte, sotto il controllo repubblicano, Obama ha delineato quello che ha definito il piano per "vincere il futuro": una roadmap di spesa in settori chiave - istruzione, treni super-veloci, energia pulita, Internet ad alta velocità - per aiutare gli Usa a superare l’impatto della globalizzazione e la sfida delle potenze emergenti come Cina e India.

"Le regole dell’economia internazionale sono cambiate". Sostenere il sogno americano, ha continuato, "ha richiesto ad ogni generazione sacrificio e impegno e di rispondere alle richieste di una nuova era. Ora è il nostro turno". L’imperativo, ha detto a più riprese, è vincere il futuro e, sollevando lo spettro della rapida crescita di Cina e India, ha paragonato l’attuale necessità di innovazione alla conquista dello spazio, nella corsa contro l’Unione Sovietica, negli anni ‘50 e ‘60.

Il lancio nel 1957 dello Sputnik sovietico, il primo satellite in orbita terrestre, fu all’epoca una straordinaria dimostrazione di forza dell’Unione Sovietica, che però scatenò un’energica rincorsa degli Stati Uniti, terminata con la conquista della Luna, nel 1969. "Mezzo secolo fa", ha ricordato Obama, "quando i sovietici conquistarono lo spazio con il lancio dello Sputnik, noi non avevamo alcuna idea che saremmo arrivati sulla Luna. Non aveva la scienza necessaria, la Nasa non esisteva. Ma dopo aver investito in maggiore ricerca e istruzione migliore, non solo abbiamo superato i sovietici, ma innescato un’ondata di innovazione che ha creato nuove industrie e milioni di nuovi posti di lavoro". "Questo - ha detto - è il nostro momento Sputnik".

L’appello a lavorare insieme è stato chiaro: "Le leggi passeranno solo attraverso il sostegno di democratici e repubblicani. Andremo avanti del tutto, o non andremo avanti affatto: le sfide che dobbiamo affrontare sono più grandi di un partito, e più grandi della politica". Obama ha chiesto però anche misure di taglio del bilancio, in particolare un periodo quinquennale di congelamento nelle spese discrezionali non riguardanti la sicurezza, una mossa in grado di ridurre il disavanzo - ha detto - di 400 miliardi di 10 anni. "Dobbiamo rendere l’America il posto migliore sulla Terra per fare investimenti. Dobbiamo assumerci la responsabilità del nostro deficit, e riformare il nostro governo. Questo è il modo in cui la nostra gente prospererà".